fbpx

Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

In Evidenza

Diagnosi prenatale: strumento di selezione eugenetica o aiuto alla scienza prenatale?

La diagnostica prenatale è quel campo delle conoscenze ostetrico-ginecologiche che

utilizza determinate tipologie di indagini per verificare la presenza o meno di condizioni patologiche di vario tipo nel feto. Si tratta di una disciplina che negli ultimi decenni ha beneficiato di grossi sviluppi tecnologici che hanno migliorato costantemente le possibilità di conoscere lo stato di salute del nascituro e che hanno reso sempre più attendibili i risultati diagnostici.

Come tutte le conoscenze scientifiche, però, è fondamentale indirizzarne le finalità evitando un uso distorto e dannoso dei suoi mezzi che ne farebbe venir meno la sua validità come elemento di progresso medico-scientifico al servizio dei piccoli pazienti;  ed infatti, nonostante gli sviluppi delle tecniche in questione, molti genitori continuano a sollevare dubbi sul ricorso ad alcuni tipi di esami, specie nel caso delle indagini invasive; ma alle comprensibili motivazioni legate ad eventuali rischi per il bambino, che accomunano un po’ tutti i futuri genitori, subentrano anche considerazioni legate a valori personali o di tipo confessionale: “non vogliamo fare indagini invasive perché tanto accoglieremo il nostro bambino così com’è”, “ … siamo cattolici e quindi non ricorreremmo mai all’aborto”.

Da queste affermazioni si evince un’idea comune legata alla diagnosi prenatale come strumento per verificare lo stato di salute del bambino finalizzato, in caso di presenza di una qualche patologia, solo ed esclusivamente all’interruzione di gravidanza (idea che, in effetti, e bisogna dirlo, fotografa abbastanza bene la realtà) con un uso sbagliato delle conoscenze diagnostiche.

In realtà esiste anche un’altra faccia della medaglia che si muove in senso completamente opposto: strumenti diagnostici, come amniocentesi e villocentesi, sono infatti spesso uno step fondamentale nei percorsi di accoglienza e cura di bambini affetti da patologie prenatali.
Con il giusto indirizzamento etico le metodologie diagnostiche oggi utilizzabili prima della nascita non sono da demonizzare ma, al contrario, possono rivelarsi fondamentali per garantire cure appropriate o, laddove possibile, interventi già in fase prentale (terapie fetali). L’esatta conoscenza della condizione patologica del bambino è infatti, in alcuni casi, necessaria per predisporre un piano di cure, laddove possibile; preparare, insieme ai genitori, un percorso terapeutico o di accompagnamento del bambino; consentire interventi tempestivi alla nascita.

Così intesa, la diagnosi prenatale acquisisce effettivamente una connotazione di progresso scientifico volto a favorire la cura delle vite più fragili: vedere per curare e non per eliminare.

È doveroso quindi approfondire il discorso e guardare bene alle finalità che devono guidare l’utilizzo della diagnosi prenatale. Come ben evidenziato dal Prof. Giuseppe Noia: “Se il fine della diagnosi prenatale, è quello di diagnosticare una problematica per poi curarla, essa si configura come una meravigliosa attuazione della scienza prenatale e della evoluzione della ricerca clinica verso il feto considerato un paziente a tutti gli effetti. Ma se il fine è quello di vedere se il feto è malato o ha qualche anomalia per poi potergli togliere la vita, questo è assolutamente da proscrivere, da rifiutare, perché la scienza prenatale deve dare la vita, deve dare speranza, non morte e disperazione”.

È chiaro che il rischio di utilizzo in senso eugenetico delle metodologie in questione permane ed è dunque assolutamente necessario, come è stato fatto in alcune istituzioni, fissare delle chiare linee guida da seguire. Tra queste vi è certamente la presenza di un’indicazione medica per il ricorso alla procedura diagnostica e la valutazione del rischio che deve essere accettabile e proporzionato. Ma ciò che più deve essere legato all’uso delle varie metodologie diagnostiche prenatali è certamente un counselling accurato sia prima che dopo la diagnosi.

Al momento di optare o meno per il ricorso ad una tecnica diagnostica prenatale è necessario fornire alla coppia le informazioni sulle metodologie utilizzate e i rischi abortivi che possono comportare e, al contempo, farne comprendere l’utilità in termini di possibilità di ottenere informazioni fondamentali sulla salute fetale per eventuali possibilità terapeutiche.

L’informazione sulle varie metodologie diagnostiche è molto importante anche perché esistono rilevanti diversità, sotto più aspetti. Ad es. nell’ambito dei test non invasivi, diversa è la percentuale di attendibilità del risultato, così come diversi sono i costi, anche rispetto alle procedure invasive. Bisogna poi ricordare che i test non invasivi sono test di screening e non diagnostici. La differenza tra un test di screening e un test diagnostico (come l’amniocentesi o la villocentesi), sta nel tipo di risposta, in quanto il test di screening indica la probabilità di presenza o meno nel feto di determinate malattie, senza fornire una certezza al 100%, mentre il test diagnostico dà una risposta certa sulla presenza o meno della malattia stessa. Lo scopo di passare per lo screening, limitando il test diagnostico invasivo, è legato proprio all’invasività delle stesse e quindi al grado di rischio per il bambino. Occorre poi tener presente che, in caso di esito positivo, il risultato dello screening richiede la conferma e precisazione del test invasivo. Diversi sono, dunque, gli elementi da tener in considerazione e rispetto ai quali i futuri genitori devono acquisire consapevolezza.

Un altro aspetto molto importante è il counselling dopo la diagnosi. Non è, infatti, pensabile lasciare in mano ai futuri genitori una diagnosi di patologia senza metterli in condizione di comprenderla in tutti i suoi aspetti. È necessaria una consulenza professionale che consenta di confrontarsi con i genitori fornendo loro un’informazione medica accurata e completa, valutando insieme a loro le procedure terapeutiche necessarie, il rapporto rischio/beneficio e l’accettabilità etica.

Come ribadito dal Prof. Noia, tre sono gli obiettivi che il ginecologo deve sempre seguire nella sua attività clinica finalizzata sia alla difesa della vita nascente che all’impedimento di un accanimento terapeutico esecrabile: informare correttamente, ottenere una valutazione globale del benessere fetale e supportare il principio di dignità e sacralità della vita umana.

Ma cosa succede se il risultato di una diagnosi prenatale indica una condizione di terminalità del nascituro? Se non c’è spazio per alcuna possibilità terapeutica si può continuare a dare un indirizzamento rispettoso della dignità e della sacralità della vita nascente alla procedura diagnostica? La risposta è sì. In tali casi la proposta ai genitori è quella dell’“accompagnamento” del bambino fino all’esito naturale. L’accompagnamento è definito dal punto di vista medico come un atto terapeutico a tutti gli effetti e dal punto di vista genitoriale come naturale prosecuzione della maternità e paternità. Un percorso che, seppur considerato da alcuni improponibile, un’ormai ampia esperienza scientifica e testimoniale ha validato come fortemente consono e in linea con un’evoluzione naturale del percorso genitoriale; anche il CDC di Atlanta ha rilevato che ci sono sempre più genitori che desiderano accompagnare i loro figli gravemente malati fino all’ultimo momento.

La scelta dell'accompagnamento del bambino permette a molti genitori di affrontare la diagnosi prenatale patologica elaborandola non più come esperienza traumatica ma come una “speciale esperienza genitoriale”.

 

 

 

                  

Fondazione Il Cuore in una Goccia Onlus 

Via Francesco Albergotti, 16 - 00167 Roma (RM)
Partita IVA e Codice Fiscale: 13470371009
© Copyright - 2021 - Tutti i diritti riservati

L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel temp


Powered by


Utenti online

Search